REGOLAMENTO SCUOLA ISPPE

Regolamento Scuola ISPPE

ISPPE – International School of Prenatal and Perinatal Education – (Scuola Internazionale di Educazione Prenatale e Perinatale) è organo di ANEP ITALIA, che l’ha fondata nell’anno 2000 (vedasi Statuto ANEP ITALIA 2012 – art. 14 Patrimonio intellettivo e culturale dell’Associazione).

ISPPE si prefigge lo scopo di essere uno spazio unico e privilegiato di aggiornamento professionale in cui Medicina, Counselling, Psicologia e Pedagogia confluiscono offrendo formazione inerente l’epoca perinatale, intendendo con questa, in linea di massima, l’epoca precedente e successiva al parto.

Al termine del percorso ISPPE, viene rilasciato un attestato di frequenza mentre a tutti coloro che hanno presentato la tesi e superato la prova dell’esame, come da regolamento, viene conferita la qualifica di “PRENATAL TUTOR®” (marchio registrato e di esclusiva proprietà di ANEP ITALIA).

ANEP ITALIA, e conseguentemente la Scuola ISPPE, hanno regolarmente registrato come propri marchi anche i titoli di TUTORE PRENATALE, PRENATAL COUNSELLOR, CONSULENTE PRENATALE.

Prenatal Tutor® è una qualifica nominale e non costituisce un titolo universitario o equipollente; diventa appropriata formazione specializzante per chiunque operi con “famiglie in attesa”.

La scuola ISPPE è corso di specializzazione in counseling riconosciuto ASSOCOUNSELING.

Il percorso formativo mantiene caratteristiche che tutelano l’allievo quale sia la sua estrazione politica, religiosa, etnica.

In merito alle docenze

ANEP si impegna a scegliere docenti di comprovata esperienza in merito alla materia insegnata, tuttavia la scuola non è responsabile del contenuto della lezione di cui risponde il docente stesso.

Nomi e brevi curricula dei docenti sono consultabili e pubblicati unitamente al programma del corso stesso.

Il docente è tenuto a presentare a ANEP un progetto di formazione in merito alla materia o all’argomento per lui stabilito e secondo il tempo a lui assegnato.

ANEP verifica e approva – con o senza richiesta di variazioni – il progetto di formazione al quale il docente si atterrà durante lo svolgimento del proprio seminario.

Il docente dovrà predisporre e consegnare le dispense di studio inerenti la propria lezione (slides o relazione) e una congrua bibliografia. Il materiale verrà consegnato agli allievi tramite supporto informatico.

Il docente si impegna, una volta accettata data ed orario della sua lezione, ad essere presente e puntuale.

In caso di malattia o di eventi tali da impedire la presenza, il docente si impegna a comunicare ad ANEP con il maggior anticipo possibile il suo impedimento in modo da poter programmare altra data, qualora sia possibile. Nel caso in cui non sia possibile una comunicazione anticipata dell’assenza, ANEP si riserva, extrema ratio, di poter annullare il seminario comunicando prontamente agli allievi questa decisione.

Nel cancellare o rinviare un seminario o eventi connessi, sarà cura di ANEP fare il possibile per riprogrammare tale seminario entro dodici (12) mesi dalla data originale. Nel caso in cui ANEP decidesse di non riprogrammare il seminario annullato, gli iscritti avranno diritto al rimborso del seminario in oggetto. ANEP non è responsabile delle spese relative a voli, pernottamenti in hotel, o per l’acquisto di altri biglietti, penali o perdite monetarie connesse all’annullamento o modifiche di viaggio. I rimborsi o crediti saranno emessi entro trenta (30) giorni.

Le date e le location dei seminari possono essere soggette a modifiche delle quali verranno informati gli allievi.

ANEP si riserva il diritto di modificare i docenti dei seminari o di sostituire un seminario con un altro purché valutato da ANEP congruente con il percorso di formazione.

 

DOCENTE RELATORE

Il docente relatore è colui che accetta di seguire un candidato nella compilazione e presentazione della tesina di fine corso.

Impegno del candidato:

-          Scegliere il relatore per tempo e accettare la sua disponibilità-non disponibilità

-          Preparare una sinossi indicante argomenti di massima, obiettivi del lavoro, bibliografia che si intende consultare al momento della scelta del relatore

-          Accettare modifiche e correzioni in merito al lavoro presentato

Impegno del relatore:

-          Fornire al candidato bibliografia di riferimento, una volta accettato il progetto presentato

-          Seguire il candidato nella stesura dell’elaborato avendo cura di correggere e modificare il lavoro in tempo utile per le correzioni

-          Sarà facoltativa la scelta di essere presente in sede di discussione, qualora si preveda di non essere presenti il relatore fornirà breve relazione e proposta di valutazione in trentesimi (la valutazione potrà essere modificata dal coordinamento didattico in sede di discussione).

 

 

In merito agli allievi

Ogni classe ISPPE è composta da un numero minimo di 12 allievi, maggiorenni e in possesso di diploma di maturità (o equipollenti titoli esteri), regolarmente Soci ANEP ITALIA e paganti la quota di partecipazione al percorso secondo le modalità concordate con la Presidenza ANEP e consiglio direttivo ANEP.

L’accesso al percorso di formazione è subordinato ad un colloquio di selezione con un membro del coordinamento didattico o con un professionista delegato dallo stesso; il colloquio potrà essere svolto anche con mezzi informatici (skype).

Gli importi per partecipare al percorso ISPPE vengono stabiliti e divulgati da ANEP ITALIA unitamente al programma annuale.

Nel caso che l’ISPPE si trovi a dover annullare un intero percorso – prima dell’avvio dello stesso – l’ISPPE stessa si impegna a restituire ai diretti interessati tutte le cifre ricevute in anticipo; in questo caso, null’altro sarà dovuto, a nessun titolo, agli allievi.

Nel caso in cui il percorso dovesse essere sospeso durante lo svolgimento del programma annuale, saranno trattenute tutte le quote a saldo del percorso già svolto e verranno rimborsate tutte le quote già versate e relative alla parte del percorso ancora da svolgere. Anche in questo caso, null’altro sarà dovuto, a nessun titolo, agli allievi.

In merito ai costi e alle modalità di pagamento

Per partecipare ai corsi ISPPE ogni partecipante deve aver regolarmente assolto alla quota associativa ANEP ITALIA ed essere in regola con i pagamenti delle quote relative al percorso stesso.

All’inizio di ogni anno scolastico e unitamente alla segnalazione del nuovo Programma Annuale, verranno comunicate, tramite il sito di ANEP ITALIA:

  1. le quote relative al percorso stesso;
  2. le modalità di pagamento in fatto di “sedi” (banca, Posta, Carte di Credito o altro) e in fatto di “strumenti” di pagamento (bonifici, assegni, contanti)
  3. le agevolazioni in fatto di pagamenti anticipati o a scaglioni.

Una volta accettato di iscriversi all’intero corso ISPPE l’allievo avrà l’obbligo di pagarlo in toto, anche qualora non potesse portare a termine il percorso per suoi problemi personali.

In merito alle presenze

Il percorso ISPPE si articola complessivamente in incontri, svolti principalmente di sabato e domenica (per un totale di 218 ore di formazione erogata).

Gli orari dei seminari verranno comunicati agli iscritti unitamente al calendario annuale.

Gli allievi, come i docenti, dovranno essere, salvo gravi impedimenti, presenti e puntuali.

Entrate posticipate e uscite anticipate maggiori di 15 minuti, verranno annotate sul libro presenze e saranno conteggiate nel monte ore necessario a sostenere l’esame finale.

Sono consentite assenze che ammontino al 10% del monte ore complessivo.

Sarà cura dell’allievo prepararsi adeguatamente anche rispetto alle lezioni che non ha frequentato accordandosi con il coordinamento didattico.

Qualora si superasse il numero di assenze consentite esse andranno recuperate per poter accedere all’esame. Le modalità di recupero delle assenze oltre quelle consentite andranno concordate con il coordinamento didattico e i costi per sostenere suddetti recuperi saranno completamente a carico dell’allievo.

In merito all’esame per la qualifica di Prenatal Tutor®

ISPPE, al termine del percorso, rilascia ad ogni allievo un Attestato di Frequenza, riportante il numero delle ore frequentate. Al fine del conseguimento del titolo di “PRENATAL TUTOR” ® i candidati dovranno invece sostenere, al termine del percorso, degli esami scritti e orali.

Accedono all’esame tutti coloro che sono in regola con i pagamenti dovuti e che abbiano conseguito il corretto monte-ore di formazione.

Una volta comunicata agli allievi la data di consegna della tesi, questa data viene considerata improrogabile, al fine di consentire il lavoro degli esaminatori e della segreteria.

L’esame avrà cadenza annuale. Il candidato si impegna al pagamento di una “registration fee” – pari a 100 € (e rivalutabile nel corso degli anni).

La tesi finale (con titolo ed impostazione concordati con il docente relatore) è un elaborato dove l’allievo darà prova di aver fatto propri i principali temi ed obiettivi di ANEP ITALIA e di ISPPE e di saperli svolgere autonomamente, con impegno, dedizione, cura e passione. L’elaborato – al netto di immagini, grafici e tabelle – sviluppa da 15 a 80 “cartelle” una cartella = 40 righe giustificate con carattere “Times New Roman”, font size 12, con circa 85 battute per riga – compresi gli spazi e segni di interpunzione – per un totale di circa 3400 battute a foglio; da questo conteggio sono escluse le note e la Bibliografia).

 

La tesina deve essere consegnata tassativamente entro la scadenza comunicata, in quadruplice copia cartacea inviandola ai singoli esaminatori di cui verranno comunicati gli estremi per le spedizioni ed in copia informatica (CD o trasmissione informatica); ogni copia (informatica e cartacea) dovrà chiaramente riportare, in un apposito frontespizio, il titolo dell’elaborato, un’eventuale immagine, il nome e cognome del candidato, il nome e cognome del relatore e l’anno di svolgimento.

Il candidato esprime esplicito consenso scritto di poter veder pubblicato il suo elaborato tanto sul sito ANEP ITALIA o in rete e anche su carta, cedendo tutti i diritti ad ANEP ITALIA, ma mantenendo il diritto di utilizzo.

Il candidato dovrà sostenere in sede una prova d’esame consistente nel rispondere a domande a risposta multipla (test a crocette) che avranno come argomento tutto il materiale consegnato durante il percorso di studi.

Appena la commissione dei relatori avrà terminato la verifica dell’esame scritto finale e procederà alla chiamata del primo candidato.

Al termine verrà consegnato il diploma, sottoscritto dal Presidente di ANEP ITALIA.

 

Su detto diploma sarà anche riportata la qualifica di “Prenatal Tutor”.

Avendo ANEP e ISPPE ottenuto da ASSOCOUNSELING il riconoscimento del proprio percorso, i counselor professionisti potranno usufruire della specializzazione in counseling perinatale.

 

Letto, approvato e sottoscritto

luogo e data

 

 

firma leggibile

——————————————————————————————————————————————————————————-

Gentile Signore/a,

Desideriamo informarLa che il D.lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 (“Codice in materia di protezione dei dati personali”) prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti.

Ai sensi dell’articolo 13 del D.lgs. n.196/2003, pertanto, Le forniamo le seguenti informazioni:

  1. 1.             I dati da Lei forniti verranno trattati per le seguenti finalità: iscrizione al percorso ISPPE e aggiornamento della sua posizione.
  2. 2.             Il trattamento sarà effettuato con le seguenti modalità: manuale ed informatizzato.
  3. 3.             Il conferimento dei dati è obbligatorio per poter procedere all’iscrizione e agli adempimenti in merito e l’eventuale rifiuto di fornire tali dati potrebbe comportare la mancata o parziale esecuzione prosecuzione del rapporto.
  4. 4.             I dati non saranno comunicati ad altri soggetti, né saranno oggetto di diffusione.
  5. 5.             Il titolare del trattamento è: ANEP ITALIA , Via Domenico Millelire 13   20147 Milano
  6. 6.             Il responsabile del trattamento è: Valeria Ceron, Presidente ANEP Italia
  7. 7.             In ogni momento potrà esercitare i Suoi diritti nei confronti del titolare del trattamento, ai sensi dell’art.7 del D.lgs.196/2003, che per Sua comodità riproduciamo integralmente:

DecretoLegislativon.196/2003, Art. 7 – Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti

L’interessato ha diritto di ottenere la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. L’interessato ha diritto di ottenere l’indicazione:

  1. 1.             dell’origine dei dati personali;
  2. 2.             delle finalità e modalità del trattamento;
  3. 3.             della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l’ausilio di strumenti elettronici;
  4. 4.             degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell’articolo 5, comma 2;
  5. 5.             dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

L’interessato ha diritto di ottenere:

  1. 1.             L’aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse l’integrazione dei dati;
  2. 2.             la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; 
  3. 3.             l’attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

L’interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:

  1. 1.             per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
  2. 2.             al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

luogo e data

 

 

firma leggibile

 

torna su